Vale la pena di giocare su giocate sicure?

Giocare sicure

Generalmente nelle puntate professionali non c'è posto per le cosiddette giocate sicure. Le quote ad un livello inferiore di 1,5 non vengono prese in considerazione e il tasso più comune oscilla intorno a 1,9-2,1.

Ma tuttavia sulle giocate sicure non abbiamo possibilità di vincere? Statisticamente parlando abbiamo poche possibilità di successo continuato nelle scommesse dei bookmakers. Purtroppo davanti ad una scommessa l'uomo si orienta secondo le emozioni e spesso quando "sulla carta " gioca una squadra senza dubbio molto migliore, questa quota viene abbassata non solo dal bookmaker, ma anche da molti giocatori in tutto il mondo i quali segnalano questa squadra come giocata sicura. E' difficile puntare contro la squadra migliore, cosa che per noi non è logica e all'inizio crediamo che questo coupon non ha alcuna possibilità di successo. E questa è una trappola, un uomo ha paura di perdere e per questo preferisce giocare 4,5 o anche più partite sulla cedola a tassi bassi anziché su una al più elevato. Ma davvero le sorprese così raramente accadono per essere sicuri della vincita? Purtroppo spesso è esattamente il contrario, in particolare quando giochiamo 1X2 sul calcio. Anni di esperienza e analisi dimostrano che non ha molto senso giocare le giocate sicure e sulle transizioni generali abbastanza indietro.

Perché le statistiche dei giochi sicuri sono così spietate e non convenienti per i giocatori?

Non possiamo opprodare al gioco sicuro sulla base del gioco di AC Milan, Juventus, Inter e Napoli questi vinceranno al 100%. Ci sono molti aspetti che demoliscono questo mito. Fra i più importanti ad eccezione delle statistiche fanno parte:

  1. La forma della squadra - indipendentemente dalla classe del gruppo si verificano una riduzione delle forme che influenzano i risultati ottenuti. Nessuno è in grado di giocare per tutto il tempo al più alto livello possibile e ricordiamo che spesso i due o tre giocatori chiave giocano meno questo influisce su tutta la squadra.
  2. Ignorando il rivale - anche se gli allenatori sensibilizzano su questo i giocatori, lo stesso spesso nella mente abbiamo qualcos'altro. Noi siamo migliori di loro e dovremmo vincere senza problemi ... Spesso, tuttavia, il campo mostra qualcos'altro.
  3. Buone squadre giocano in molti incontri – gli allenatori spesso devono dare scacco matto alle forze dei giocatori. In quanto i migliori giocano non solo nel campionato o nelle coppe nazionali, ma anche per esempio in Champions League. Le partite ogni tre giorni devono pregiudicare la fatica anche per i migliori.
  4. Infortuni - Infortuni prima della partita e durante influenzano sul risultato .
  5. Cartellini - colossale importanza ce l'ha il cartellino rosso durante lo svolgimento della partita, ma anche i cartellini gialli grazie ai quali i giocatori possano riflettere sulla situazione rischiosa.
  6. Stile di gioco - spesso lo stile di gioco delle squadre inferiori non corrisponde alle migliori. È possibile tracciare la storia dell'incontro, la quale mostra qualcosa di diverso di ciò che ci si aspetterebbe.
  7. Motivazione della squadra più debole - di solito i più deboli si "aggrappano" alla squadra migliore con la conseguenza di risultati imprevisti.
  8. Litigi nella squadra - una squadra piena di stelle e personaggi con caratteri diversi può arrivare a diverse situazioni dei quali spesso non abbiamo idea.
  9. Tifiamo per questa squadra - non importa con chi gioca per noi è sempre una giocata sicura ...

In generale nelle scommesse sportive non c'è alla fine una sezione aurea e piuttosto dovremmo essere guidati dal nostro intuito, la conoscenza non si lega alla quote impostate dai bookmakers. Ricordiamo anche lì lavorano persone che possono farsi prendere dalle proprie emozioni e anche si sbagliano.

Invia nuovo commento